Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 54 visitatori e nessun utente online

Due più due

 

La sala infermieri oggi era decisamente affollata, sono arrivata nel momento di cambio turno, c'erano sia quelli della mattina che del pomeriggio. Un nuovo infermiere che è arrivato in reparto da poche settimane, mi ha chiesto di poter provare il Reiki, era disposto anche a trattenersi oltre l'orario pur di ricevere un trattamento. È stata proprio la caposala a dirmi di iniziare con lui e così ho fatto. L'esperienza del Reiki per il nuovo infermiere è stata molto positiva, a fine trattamento mi ha detto di aver sentito molto calore sin dalla prima posizione sugli occhi. Aveva come l'impressione di avvertire nelle vicinanze un accendino acceso proprio in corrispondenza delle mie mani, che in quel momento erano posizionate a poca distanza dal suo volto. Si è piacevolmente rilassato, quando si è diretto verso il corridoio barcollava un po' ed i suoi colleghi lo hanno notato, effetti del rilassamento che si è concretizzato nella parte finale della seduta. Aveva anche voglia di tornare subito a casa perché sentiva il bisogno di dormire, la prossima settimana mi farò raccontare il seguito.
Secondo trattamento ad un uomo ricoverato in reparto da qualche giorno per una semiparesi del volto. Per capire la causa gli hanno fatto una tac che ha evidenziato un adenoma ipofisario che però non è riconducibile alla paresi. È in attesa di sapere dai medici se dovrà essere operato o se basterà una cura farmacologica. Il Reiki lo ha fatto sentire piacevolmente più leggero, il calore piuttosto intenso è stato percepito maggiormente alla testa e alle ginocchia dove è stato operato anni fa.
Terzo trattamento alla donna che lo aveva ricevuto anche ieri e che domani dovrà essere operata per un neurinoma del nervo acustico. Rispetto a ieri l'impatto emozionale è stato molto più contenuto, paura e dolore ieri erano usciti fuori, quindi oggi il Reiki l'ha solo rimessa in equilibrio. La vedrò senz'altro la settimana prossima, siamo già d'accordo per registrare un'intervista.
Già ieri una nuova infermiera mi aveva chiesto di provare il Reiki visto che tutti i colleghi ne parlano tutti molto bene. Pertanto per poterla accontentare sono rimasta oltre il mio solito orario, e ne è valsa la pena perchè c'è stato un altro bel risultato. Oltre ad essersi rilassata ed aver percepito che dai piedi si allontanava la tensione, le è anche passato il mal di testa, all'inizio del trattamento non mi aveva neanche detto di averlo. E' dovuta subito tornare dai colleghi perchè era ora di impartire le terapie, ma quando la rivedrò le chiederò un'intervista e così anche al suo collega che ha ricevuto Reiki prima di lei.
N.B. Il mio libro "Reiki il dono" edito dalla Om Edizioni, sulla mia esperienza di volontariato in ospedale, è facilmente reperibile. Chi vuole può prenotarlo negli stores online: Giardino dei Libri, Macrolibrarsi, Amazon ecc. Se vi recate alla vostra libreria preferita e non lo trovate, potete comunque ordinarlo.