Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 187 visitatori e nessun utente online

Come una spugna

Oggi trattamenti Reiki ad un uomo e due donne. La caposala ha mandato un'infermiera a proporre il Reiki ad un uomo che domani sarà operato per due ernie del disco. In realtà ciò che doveva dire l'infermiera al paziente, era ben preciso: andare a fare Reiki perché lo ha detto la caposala... Sono rimasta un po' perplessa, non si ordina a nessuno di ricevere Reiki. In realtà l'uomo in questione ha lavorato come infermiere per 38 anni fino alla pensione, quindi caposala ed infermiere si conoscono da molti anni. Un tipo decisamente tranquillo, pronto ad affrontare qualsiasi cosa, quindi niente ansia da intervento. Quasi non voleva il trattamento, ma gli ho suggerito di farlo perché un ulteriore rilassamento fa sempre bene. Parlando di Reiki prima del trattamento mi ha confidato di essere a sua volta, un pranoterapeuta naturale. A fine seduta ha riferito di aver percepito molto calore, soprattutto sulla schiena. Anche la gamba sinistra stava leggermente meglio , avevo trasmesso Reiki su tutta la lunghezza, proprio perché piuttosto bloccata dal problema di ernie. Un tipo decisamente spiritoso, uscito dalla stanza diceva agli infermieri che gli avevo tolto energia. Bello essere così anche in presenza di problemi!
Secondo trattamento ad una donna operata diversi giorni fa per un aneurisma, si è fatta addirittura nove giorni di terapia intensiva. Non ho chiesto il motivo, ma presumo per le sue precarie condizioni di salute, in questi anni ha dovuto affrontare interventi di ogni genere. Lei e la sorella hanno ricevuto Reiki una quindicina di anni fa, entrambe ne erano rimaste piacevolmente impressionate. La paziente aveva un enorme bisogno di energia, le mie mani ne stavano rilasciando così tanta, che durante il trattamento mi facevano male. Per lei è stata come una manna dal cielo, per scherzare un po' le ho detto: "lei beve come una spugna, ha preso così tanta energia che ho le mani doloranti...ora le faccio causa!" ovviamente l'ho detto con il sorriso sul volto, così da richiamare una gran bella risata da parte della paziente. È importantissimo per i malati poter ridere e dimenticarsi anche solo per un attimo della propria salute.
Terzo ed ultimo trattamento ad una donna di Bologna che aveva già ricevuto Reiki il giorno prima dell'intervento di neurinoma. E' andato tutto bene, leggerissima paresi sul volto ed occhio semi aperto, tutte cose risolvibili con il tempo. Oggi le faceva male la schiena è stata molto a letto in questi giorni, quindi ne ha risentito. Con l'energia ricevuta il dolore è scomparso era felicissima, tornando a Bologna quasi sicuramente cercherà qualcuno per ricevere Reiki.
Ci sarebbe stato un altro paziente interessato al Reiki, è venuta a cercarmi la moglie, purtroppo non avevo tempo anche per lui. In ogni caso stava bene domani è in uscita, meglio donare Reiki a chi ne ha più bisogno.
N.B. Il mio libro "Reiki il dono" edito dalla Om Edizioni, sulla mia esperienza di volontariato in ospedale, è facilmente reperibile. Chi vuole può prenotarlo negli stores online: Giardino dei Libri, Macrolibrarsi, Amazon ecc. Se vi recate alla vostra libreria preferita e non lo trovate, potete comunque ordinarlo.

Cosa è il Reiki

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KI.  REI significa "Energia Vitale Universale" KI invece esprime "Energia che scorre nel Corpo" o "Forza Interiore". L’operatore

Leggi tutto

Fondamenti scientifici del Reki

  Le scoperte della fisica del ventesimo secolo hanno profondamente cambiato la visione della realtà naturale. La teoria della relatività di Einstein ha dimostrato che la materia è una forma di

Leggi tutto

Il Reiki ai malati

  Il Reiki fa parte della mia vita da qualche anno ormai, ed il volontariato nel reparto di neurochirurgia del San Filippo Neri di Roma mi ha permesso di sviluppare un'esperienza specifica con i

Leggi tutto

L'infinito... Reiki il dono

  L'evento di lancio di "Reiki il dono" è stato un grande successo, oltre ogni aspettativa. Il tutto curato nei minimi particolari dalla mia dolcissima amica Anna Maria Brazzo' che non ringrazie

Leggi tutto

Volontariato Reiki in ospedale...ma come?

  A marzo 2015 sono riuscita ad iniziare il volontariato Reiki in ospedale, moltissime persone da allora mi hanno chiesto come sono riuscita nell'impresa. Come spiego molto chiaramente qui http:

Leggi tutto