Il calore percepito nel trattamento Reiki

 

I due pazienti che ho trattato oggi (una donna ed un uomo), si opereranno domani. Com'è ovvio che sia, tutti e due erano piuttosto tesi,  quindi hanno accettato il trattamento reiki per rilassarsi.

La donna sarà operata al trigemino, mentre l'uomo si sottoporrà ad un intervento di stabilizzazione dell'ernia discale. La paziente a fine trattamento ha detto di aver sentito molto calore e che il suo mal di testa si era attenuato. Sarà felice di sottoporsi ad un altro trattamento nei giorni successivi all'intervento. L'uomo era decisamente più teso, ci sono voluti almeno 15 minuti,  prima che cominciasse a rilassarsi. Ricordo, per chi non lo sapesse,  che più si è rilassati, più l'energia riesce a fluire, aumentando i benefici. Ad un certo punto, quando stavo poggiando le mie mani sui reni,  il paziente ha voluto che gli sollevassi la maglietta, per poter sentire meglio il calore sulla pelle, in effetti oggi avevo le mani più calde del solito.

A chi non percepisce vibrazioni,  risulta semplice percepire almeno il calore, che tra l'altro  favorisce il rilassamento e l'attenuarsi dei dolori.

Mi sarebbe piaciuto poterli trattare entrambi anche domani, ma come da protocollo dopo l'intervento, andranno direttamente in terapia intensiva. Chissà, magari un giorno i medici mi permetteranno anche di entrare in terapia intensiva...

  • cristalli.jpg
  • foto 300 dpi.jpg
  • guarigione.jpg
  • poesia1.jpg
  • reiki1.jpg
  • vite-precedenti2.jpg

chi è online

Abbiamo 65 visitatori e nessun utente online

Cerca