Aurora boreale

In neurochirurgia ho ritrovato la ragazza siciliana che è stata operata per un neurinoma del nervo acustico. In precedenza ha ricevuto già tre trattamenti prima dell'intervento, con oggi siamo a quattro. La settimana scorsa mi ha rilasciato un'intervista che potete ascoltare seguendo questo link: https://www.spreaker.com/user/ondareiki/il-recordi-di-daniela-con-il-reiki-pre-i . L'intervento è andato bene, ma come succede spesso in questo tipo di operazioni uno dei due occhi rimane sempre aperto e la bocca leggermente storta, il tutto risolvibile nel giro di quattro o sei mesi. Lei però è in continuo stato di agitazione, nonostante sia stata rassicurata perfino dal primario. Comunque sia sono riuscita a farla ragionare, poteva perdere l'udito con conseguenza a vita, inoltre nella peggiore delle ipotesi poteva non risvegliarsi dall'intervento o avere una forte emorragia, quindi perchè non ritenersi fortunata di trovarsi al momento con una conseguenza del tutto risolvibile semplicemente con un po' di fisioterapia e tempo? Il Reiki di oggi è andato bene ma meno del solito, in quanto con gli occhi aperti è normale distrarsi guardando il soffitto o l'operatore che in quel momento trasmette energia, quindi anche il risultato finale è più dispersivo.
Secondo trattamento al giovane ragazzo mussulmano che la settimana scorsa era rientrato in reparto per risolvere un problema post-intervento che si è presentato dopo essere stato dimesso. Durante il suo primo ricovero ha ricevuto da me un trattamento Reiki veloce da seduto in quanto aveva forti giramenti di testa, in quell'occasione ho ritenuto importante non farlo muovere troppo, basta poco per farsi male accidentalmente mentre ci si stende o ci si alza da un lettino. Da ieri gli hanno tolto la flebo e il drenaggio, sta bene e presto tornerà a casa. Per lui oggi un trattamento Reiki completo che ovviamente ha apprezzato molto di più del precedente.
Terzo ed ultimo trattamento di oggi pomeriggio ad un uomo che conosce la pranoterapia, sua zia una volta gli ha trasmesso calore sulla parte che ora è da operare, ovvero l'ernia del disco. Il calore gli ha fatto bene in quell'occasione quindi ha accettato volentieri il Reiki. Il trattamento lo ha rilassato ed ha gradito in particolare il calore sulla testa e sulla schiena, inoltre ha visualizzato dei colori che ha paragonato ad una aurora boleare con prevalenza del colore blu ed occhi di donna che lo guardavano. Credeva di avere le traveggole ma gli ho detto che con il Reiki la visualizzazione è di normale amministrazione. 
N.B. Il mio libro "Reiki il dono" edito dalla Om Edizioni, sulla mia esperienza di volontariato in ospedale, è facilmente reperibile. Chi vuole può prenotarlo negli stores online: Giardino dei Libri, Macrolibrarsi, Amazon ecc. Se vi recate alla vostra libreria preferita e non lo trovate, potete comunque ordinarlo.

  • cristalli.jpg
  • foto 300 dpi.jpg
  • guarigione.jpg
  • poesia1.jpg
  • reiki1.jpg
  • vite-precedenti2.jpg

chi è online

Abbiamo 17 visitatori e nessun utente online

Cerca