Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online

L'occhio si è chiuso!

A volte capita che in reparto ci sia poca possibilità per donare Reiki, questo pomeriggio è stato proprio uno di quei momenti. Pertanto ho effettuato solo un trattamento Reiki, che tra l'altro era un bis. La donna in questione è stata operata per un neurinoma del nervo acustico, è andato tutto bene, ma come spesso accade dopo l'intervento uno dei due occhi (dal lato dell'orecchio dove è stato effettuato l'intervento) non si chiude. Il problema comunque è risolvibile con il passare delle settimane, bisogna solo avere pazienza e concentrarsi sulla guarigione. La donna aveva apprezzato così tanto il Reiki la settimana scorsa prima dell'intervento, che non voleva riceverne altro. Una contraddizione? In apparenza direi di si, ma dal suo punto di vista le belle sensazioni provate, dovevano essere conservate come un bel ricordo. Quando le ho detto che il secondo trattamento può essere più bello del primo, si è entusiasmata e prontamente si è alzata dal letto per seguirmi, anche se a farle visita c'era la sorella.
Con il Reiki la donna quest'oggi si è emozionata tantissimo, anche perché durante la seduta l'occhio si è rilassato, chiudendosi in maniera del tutto naturale. Al termine del trattamento piano piano si è rialzata, ha ripreso il deambulatore e mentre lasciavamo la stanza, passava proprio di là il Primario, il quale si è fermato davanti chiedendo: "Che avete fatto?" - "Reiki" - abbiamo risposto in coro - mentre la donna ha aggiunto "Mi si è chiuso l'occhio!". Il Professore inaspettatamente ha risposto: "Certo, questo perché si è rilassata!".
In quel momento ero così felice di quel riscontro da parte del Primario, che mi sentivo come sollevata da terra. Non capita facilmente, chi pratica Reiki lo sa, constatare apertura, oppure approvazione, o perfino interesse o altro da parte di un medico. La cosa ancora più particolare è che questo "velato riconoscimento" della validità del  Reiki, se non altro per l'effetto rilassante,  è successo davanti ad un paziente, mai successo prima, almeno per quanto mi riguarda. Domani la donna riceverà altro Reiki, spero che anche il terzo trattamento le regali una bella esperienza.

N.B. Il mio libro "Reiki il dono" edito dalla Om Edizioni, sulla mia esperienza di volontariato in ospedale, è facilmente reperibile. Chi vuole può prenotarlo negli stores online: Giardino dei Libri, Macrolibrarsi, Amazon ecc. Se vi recate alla vostra libreria preferita e non lo trovate, potete comunque ordinarlo.

Cosa è il Reiki

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KI.  REI significa "Energia Vitale Universale" KI invece esprime "Energia che scorre nel Corpo" o "Forza Interiore". L’operatore

Leggi tutto

Fondamenti scientifici del Reki

  Le scoperte della fisica del ventesimo secolo hanno profondamente cambiato la visione della realtà naturale. La teoria della relatività di Einstein ha dimostrato che la materia è una forma di

Leggi tutto

Il Reiki ai malati

  Il Reiki fa parte della mia vita da qualche anno ormai, ed il volontariato nel reparto di neurochirurgia del San Filippo Neri di Roma mi ha permesso di sviluppare un'esperienza specifica con i

Leggi tutto

L'infinito... Reiki il dono

  L'evento di lancio di "Reiki il dono" è stato un grande successo, oltre ogni aspettativa. Il tutto curato nei minimi particolari dalla mia dolcissima amica Anna Maria Brazzo' che non ringrazie

Leggi tutto

Volontariato Reiki in ospedale...ma come?

  A marzo 2015 sono riuscita ad iniziare il volontariato Reiki in ospedale, moltissime persone da allora mi hanno chiesto come sono riuscita nell'impresa. Come spiego molto chiaramente qui http:

Leggi tutto