Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 163 visitatori e nessun utente online

Aspettavo proprio lei!

Parlando con la caposala ho saputo che un paziente ricoverato già tempo fa, ma operato nuovamente alla testa la settimana scorsa, purtroppo non ce l'ha fatta.  Un uomo gentile, educato ancora troppo giovane per morire, ma la vita è anche questo e bisogna andare avanti. Ho rivisto in corridoio, una paziente che aveva ricevuto Reiki il giorno prima dell'intervento di neurinoma del nervo acustico. La prima cosa che mi ha detto, praticamente senza salutarmi è stata: "proprio lei cercavo!" non vedeva l'ora di ricevere altra energia. Era in compagnia della figlia, ma non ha esitato un istante a lasciarla per il tempo necessario a ricevere Reiki. Anche stavolta ha visualizzato dei colori chiudendo gli occhi, colori meno vividi della settimana scorsa, tra i quali prevalevano il verde ed il viola.  Anzi per dirla tutta da quando ha ricevuto Reiki giorni fa non ha visto più solo nero, in qualsiasi momento abbia chiuso gli occhi e in qualsiasi situazione di giorno o di notte. Il trattamento di oggi è stato piacevole, ma era piuttosto tesa per altri motivi, quindi non è riuscita a godersi a pieno il trattamento. 
Una compagna di stanza della paziente appena trattata, che ha già ricevuto Reiki due volte, avrebbe voluto ancora energia, ma proprio non se la sentiva un po' perché era in compagnia di parenti, ma anche per l'ennesima radioterapia che l'ha buttata troppo giù. Come sappiamo noi operatori Reiki, in realtà è proprio in questi casi che ricevere un trattamento può essere molto utile, ma al tempo stesso insistere da parte mia non avrebbe avuto senso. Ci vuole la totale disponibilità del ricevente, altrimenti eventuali auto schermature conscie ed inconscie vanificano il trattamento. 
Infine un uomo che domani sarà operato, credo alla colonna vertebrale non ha voluto provare il Reiki, non ha detto neanche perchè, ma va bene così non tutti sono disponibili a ricevere doni, così mi sono fermata ancora un po' per scambiare quattro chiacchiere con le infermiere. 
Per impegni personali questo è stato l'unico pomeriggio di volontariato della settimana, pertanto vi aggiornerò ancora con i miei piccoli racconti nei prossimi giorni.
N.B. Il mio libro "Reiki il dono" edito dalla Om Edizioni, sulla mia esperienza di volontariato in ospedale, è facilmente reperibile. Chi vuole può prenotarlo negli stores online: Giardino dei Libri, Macrolibrarsi, Amazon ecc. Se vi recate alla vostra libreria preferita e non lo trovate, potete comunque ordinarlo.

Cosa è il Reiki

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KI.  REI significa "Energia Vitale Universale" KI invece esprime "Energia che scorre nel Corpo" o "Forza Interiore". L’operatore

Leggi tutto

Fondamenti scientifici del Reki

  Le scoperte della fisica del ventesimo secolo hanno profondamente cambiato la visione della realtà naturale. La teoria della relatività di Einstein ha dimostrato che la materia è una forma di

Leggi tutto

Il Reiki ai malati

  Il Reiki fa parte della mia vita da qualche anno ormai, ed il volontariato nel reparto di neurochirurgia del San Filippo Neri di Roma mi ha permesso di sviluppare un'esperienza specifica con i

Leggi tutto

L'infinito... Reiki il dono

  L'evento di lancio di "Reiki il dono" è stato un grande successo, oltre ogni aspettativa. Il tutto curato nei minimi particolari dalla mia dolcissima amica Anna Maria Brazzo' che non ringrazie

Leggi tutto

Volontariato Reiki in ospedale...ma come?

  A marzo 2015 sono riuscita ad iniziare il volontariato Reiki in ospedale, moltissime persone da allora mi hanno chiesto come sono riuscita nell'impresa. Come spiego molto chiaramente qui http:

Leggi tutto