Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 168 visitatori e nessun utente online

Gli occhi non li chiudo

Il pomeriggio di ieri è stato piuttosto complicato in reparto, diverse persone impossibilitate a ricevere Reiki, altri in sala operatori o in terapia intensiva, altri ancora con esami clinici da effettuare. Proprio per questo non c'è stato alcun trattamento da fare, pertanto ho passato quasi tutto il tempo a chiacchierare con la caposala e gli infermieri, per poi andare via prima del solito. Oggi invece tre trattamenti Reiki a due uomini ed una donna.
Il primo trattamento Reiki ad un signore anziano seduto sulla sedia a rotelle, portava un collarino rigido. Era stato appena ricoverato, sarà operato alla cervicale domani. Poco propenso ad alzarsi e piuttosto diffidente sul Reiki che non aveva mai sentito nominare, ha optato per il trattamento Reiki da seduto. Per tutto il tempo non ha voluto chiudere gli occhi, evidentemente si fidava poco, ma a fine seduta ha riconosciuto di aver sentito calore benefico soprattutto in alcuni punti. Difficilmente sarà ancora lì la settimana prossima, ma se lo troverò ancora in reparto mi ha detto che vorrà provare il trattamento completo.
Seconda seduta di Reiki per un ragazzo operato ieri alla colonna vertebrale, mi ha seguita nella stanza con il deambulatore, ha ricevuto anche lui Reiki veloce. Piuttosto scettico inizialmente, alla fine ha apprezzato il trattamento. Nessun miglioramento del dolore sulla parte operata, ma sentiva le gambe più sciolte (gli avevo dato energia anche su ginocchia e piedi).
Terzo ed ultimo trattamento del pomeriggio ad una donna appena arrivata in reparto. Decisamente ansiosa per l'intervento da affrontare domani alla colonna vertebrale, ha accettato volentieri il consiglio della caposala che l'ha invitata a provare il Reiki. E' rimasta piacevolmente sorpresa per l'introduzione di questa tecnica in reparto, anche perchè ha già apprezzato sulla parte dolente l'effetto benefico delle mani calde. Come? Sembra che il marito sia un pranoterapeuta, anche se non ha mai cercato di capire perchè le sue mani sono sempre molto calde. La donna si è rigenerata a fine trattamento si sentiva leggera, e decisamente meno ansiosa, spero con tutto il cuore che l'effetto benefico arrivi fino a domani per far si che affronti l'intervento nel migliore dei modi.
Il 3 marzo 2018 ci sarà a Como, il workshop "Il Reiki ai malati" per maggiori info seguire questo link: http://www.microportale.net/reiki/555-workshop-il-reiki-ai-malati-a-como . Per prenotarsi è necessario contattarmi in privato e confermare in seguito la partecipazione entro e non oltre venerdì 23 febbraio. Per motivi organizzativi non saranno accettate prenotazioni oltre quella data, grazie.

Cosa è il Reiki

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KI.  REI significa "Energia Vitale Universale" KI invece esprime "Energia che scorre nel Corpo" o "Forza Interiore". L’operatore

Leggi tutto

Fondamenti scientifici del Reki

  Le scoperte della fisica del ventesimo secolo hanno profondamente cambiato la visione della realtà naturale. La teoria della relatività di Einstein ha dimostrato che la materia è una forma di

Leggi tutto

Il Reiki ai malati

  Il Reiki fa parte della mia vita da qualche anno ormai, ed il volontariato nel reparto di neurochirurgia del San Filippo Neri di Roma mi ha permesso di sviluppare un'esperienza specifica con i

Leggi tutto

L'infinito... Reiki il dono

  L'evento di lancio di "Reiki il dono" è stato un grande successo, oltre ogni aspettativa. Il tutto curato nei minimi particolari dalla mia dolcissima amica Anna Maria Brazzo' che non ringrazie

Leggi tutto

Volontariato Reiki in ospedale...ma come?

  A marzo 2015 sono riuscita ad iniziare il volontariato Reiki in ospedale, moltissime persone da allora mi hanno chiesto come sono riuscita nell'impresa. Come spiego molto chiaramente qui http:

Leggi tutto