Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 202 visitatori e nessun utente online

Proviamo un pò

Neanche il tempo di mettere il camice quest'oggi, si avvicina un'infermiera dicendomi che il paziente francese vuole fare il trattamento bis. Quindi esco in corridoio e lo trovo già lì, pronto per andare nella stanza dedicata al Reiki. L'uomo mi ha detto di aver riposato benissimo la notte scorsa "come un bambino" ha precisato. Il trattamento di oggi è stato anche migliore di ieri, il paziente ha sentito di più l'energia, si sta veramente appassionando al Reiki. Verrà operato martedì prossimo, quindi quel giorno, anche se sarò lì non potrò vederlo. Di certo il giorno successivo, se sarà in grado di alzarsi, vorrà ricevere ancora un trattamento.
Subito dopo di lui una donna operata pochi giorni fa per una stabilizzazione della colonna vertebrale. Piuttosto dolorante, ha potuto comunque ricevere un trattamento completo, non era entusiasta come il francese, ma le è piaciuto molto, il calore percepito è stato piacevole.
Per il terzo trattamento del pomeriggio è sorto un piccolo problema. L'infermiera dietro indicazione della caposala, è andata a chiedere ad un uomo se voleva ricevere Reiki. Mentre gli proponeva il trattamento, gli altri due compagni di stanza intervengono dicendo: "a me non è stato detto nulla", e l'altro "neanche a me". L'infermiera torna da me e mi dice: "lo vogliono tutti e tre, che si fa?" Io avevo tempo solo per uno, così se la sono dovuti giocare "chi viene? - dice loro l'infermiera - C'è posto solo per uno". A ricevere Reiki alla fine è stato un uomo che domani deve fare una biopsia alla testa, è diminuito notevolmente il suo olfatto e non si sa ancora quale sia la causa. E' stato lui a dire "proviamo un pò" mentre la moglie ne ha approfittato per tornare a casa. L'uomo è rimasto affascinato dal Reiki, non riusciva a credere di aver sentito tutto quel calore, soprattutto sugli occhi, dove ho tenuto tra l'altro le mani a distanza dal volto. Tornato in stanza si è messo a spiegare ai suoi compagni, come si è svolta la seduta. E' stato proprio passando lì davanti, che l'ho sentito parlare di Reiki.
Belle soddisfazioni anche questa settimana, se riesco registro nella prossima registro una nuova intervista con i pazienti. Nel frattempo continuo a dedicarmi alla preparazione del mio workshop.

Cosa è il Reiki

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KI.  REI significa "Energia Vitale Universale" KI invece esprime "Energia che scorre nel Corpo" o "Forza Interiore". L’operatore

Leggi tutto

Fondamenti scientifici del Reki

  Le scoperte della fisica del ventesimo secolo hanno profondamente cambiato la visione della realtà naturale. La teoria della relatività di Einstein ha dimostrato che la materia è una forma di

Leggi tutto

Il Reiki ai malati

  Il Reiki fa parte della mia vita da qualche anno ormai, ed il volontariato nel reparto di neurochirurgia del San Filippo Neri di Roma mi ha permesso di sviluppare un'esperienza specifica con i

Leggi tutto

L'infinito... Reiki il dono

  L'evento di lancio di "Reiki il dono" è stato un grande successo, oltre ogni aspettativa. Il tutto curato nei minimi particolari dalla mia dolcissima amica Anna Maria Brazzo' che non ringrazie

Leggi tutto

Volontariato Reiki in ospedale...ma come?

  A marzo 2015 sono riuscita ad iniziare il volontariato Reiki in ospedale, moltissime persone da allora mi hanno chiesto come sono riuscita nell'impresa. Come spiego molto chiaramente qui http:

Leggi tutto