Bella e brava

A girare tra i pazienti quest'oggi per proporre il Reiki, c'era l'infermiera che, all'inizio del mio volontariato in reparto, ha ricevuto per prima il trattamento tra il personale paramedico.
Anche oggi due delle tre persone a ricevere Reiki, sono stati pazienti che devono essere operati domani: un uomo ed una donna.
L'uomo deve essere operato dal primario per un neurinoma del nervo acustico. Era in ansia, e quando ha ricevuto Reiki è rimasto stupefatto per la sensazione di benessere che ha avvertito. Non faceva altro che ringraziarmi e gli dispiace non poter ricevere un trattamento anche domani, visto che quando arrivo in reparto, lui è in sala operatoria da un pezzo. Probabilmente lo rivedrò ancora lì la settimana prossima.
Il secondo trattamento ad una donna seriamente sofferente alla cervicale, ed è proprio lì che deve essere operata domani. La sua schiena, decisamente curvata in avanti, ha trovato sollievo con il Reiki. La donna ha avvertito anche molta energia sui piedi, e quando li ha poggiati a terra, li sentiva più stabili.
Terzo ed ultimo trattamento ad una arzilla donna di ben ottantotto anni (ma ne dimostra almeno dieci di meno). E' stata operata alla schiena ieri, ed oggi si è potuta alzare dal letto, ma soltanto per sedersi sulla sedia a rotelle. Pertanto ha potuto ricevere il trattamento Reiki veloce da seduta. Anche lei è rimasta piacevolmente impressionata dal trattamento ricevuto, mi ha ringraziata dicendomi tra le altre cose "bella e brava".
Ma come si fa a non andare in ospedale in mezzo alla gente che ha tanto bisogno di stare bene? Sinceramente dopo tanto tempo, ancora non penso di poterne fare a meno. Quando sono lì mi sento sempre felice e soddisfatta.

  • cristalli.jpg
  • foto 300 dpi.jpg
  • guarigione.jpg
  • poesia1.jpg
  • reiki1.jpg
  • vite-precedenti2.jpg