Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online

Maratona Reiki

Per motivi personali oggi sono andata in ospedale sin dalla mattina. E proprio per questo è stato possibile fare un record di trattamenti Reiki, una vera e propria maratona, considerando che da sola ho fatto sette trattamenti: sei trattamenti a pazienti e uno ad un neurichirurgo. In altri momenti non sarebbe stato possibile accontentare tutte queste persone, visto che vado in ospedale solo di pomeriggio.

Il primo paziente a ricevere Reiki è stato un uomo che da tempo è li, sta facendo radioterapia dopo l'intervento, ma non c'è stato mai modo di potergli fare un trattamento, oggi invece il tempo c'era così ha potuto provare anche lui questa stupenda energia. Il trattamento però è stato quello veloce da seduto per difficoltà motorie del paziente. L'impressione che ha avuto sul Reiki è che fondalmentalmente è una bella coccola, si è rilassato moltissimo. 

Subito dopo sono andata dalla paziente, già trattata due giorni fa, che ha difficoltà cognitive piuttosto marcate. Temevo che non mi riconoscesse, invece si ricordava perfettamente di me, non le sono rimasta in mente solo per il Reiki, ma anche perchè con me ha imparato o meglio "ricordato" come ci si mette a pancia in giù. Quando siamo preoccupati per problemi di salute (nostra o dei nostri cari) ricordiamoci sempre chi sta peggio di noi... La donna non ricorda neanche dove abita, sa solo che è fuori Roma in un posto di mare... Comunque una cosa che mi ha fatto piacere è che stavolta è stata lei a prendere sotto braccio me, era quasi raggiante. Il trattamento è andato bene, è riuscita a dirmi che si sentiva bene e che le dispiaceva di non poter continuare visto che abita lontano.

Il terzo paziente è stato l'uomo che è rientrato di nuovo in reparto per via della ferita infetta. Nei trattamenti ricevuti in precedenza, era stato possibile solo fare trattamenti veloci da seduto, oggi invece, anche se con enorme difficoltà, ha potuto ricevere il trattamento completo. Per lui è stata una bella esperienza, anche se apprezzava già il trattamento veloce, si è reso conto che quello completo è di gran lunga più piacevole.

Tornata in sala medici ho trovato il Dr. Rinaldi, che apprezza moltissimo il Reiki e che ha ricevuto diversi trattamenti. Si era già prenotato due giorni fa per il trattamento, così oggi è stato possibile farlo tra il primo ed il secondo  intervento che aveva in programma. Ovviamente ha gradito il trattamento anche oggi, ma dopo essere uscito dalla stanza dove ha ricevuto Reiki, si è reso conto di aver poco tempo a disposizione, stavano già portando il paziente in sala operatoria. I ritmi ospedalieri a volte sono massacranti, ricordiamocelo quando critichiamo i medici.

Subito dopo aver pranzato velocemente mi sono dedicata ad altre tre pazienti, tutte donne e tutte nella stessa stanza. La prima era già stata operata alla colonna vertebrale, ha potuto ricevere Reiki solo da seduta. Indossava un busto che le permetteva di mantenere una postura eretta, e anche se il trattamento è stato piuttosto breve, non solo si è rilassata, ma allentando la tensione sulla parte operata, è diminuito anche il dolore, un buon risultato direi...

Successivamente è stato il turno di una donna che dovrà essere operata domani. E' stata un'esperienza molto bella anche a livello emotivo, che credo proprio non dimenticherà. A livello fisico ha sentito sia calore che vibrazione in tutto il corpo, di più ovviamente in determinati punti dove ne aveva più bisogno.

Dopo sei trattamenti Reiki ero decisamente stanca, ma non ho voluto dire di no all'ultima paziente che mi aveva chiesto Reiki. La donna ha ricevuto un trattamento completo che ha gradito moltissimo, ero così spossata che non ricordo neanche se era già stata operata oppure no. Ho ancora tutte le mie capacità cognitive, ma la stanchezza a volte fa brutti scherzi.

Poco male direi, c'è sempre modo di recuperare, ma  se tra i reikisti che stanno leggendo questo articolo, c'è qualcuno che può ed ha voglia di mandarmi Reiki a distanza, lo accetto molto volentieri. Per questa settimana è tutto, grazie a tutti quelli che seguono costantemente la mia pagina Facebook ed il mio sito, vi invito a divulgare i miei articoli, mi aiuterete così a diffondere la conoscenza del Reiki, una stupenda tecnica che farà sempre parte di me, per il resto di questa esistenza.

 

Cosa è il Reiki

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KI.  REI significa "Energia Vitale Universale" KI invece esprime "Energia che scorre nel Corpo" o "Forza Interiore". L’operatore

Leggi tutto

Fondamenti scientifici del Reki

  Le scoperte della fisica del ventesimo secolo hanno profondamente cambiato la visione della realtà naturale. La teoria della relatività di Einstein ha dimostrato che la materia è una forma di

Leggi tutto

Il Reiki ai malati

  Il Reiki fa parte della mia vita da qualche anno ormai, ed il volontariato nel reparto di neurochirurgia del San Filippo Neri di Roma mi ha permesso di sviluppare un'esperienza specifica con i

Leggi tutto

L'infinito... Reiki il dono

  L'evento di lancio di "Reiki il dono" è stato un grande successo, oltre ogni aspettativa. Il tutto curato nei minimi particolari dalla mia dolcissima amica Anna Maria Brazzo' che non ringrazie

Leggi tutto

Volontariato Reiki in ospedale...ma come?

  A marzo 2015 sono riuscita ad iniziare il volontariato Reiki in ospedale, moltissime persone da allora mi hanno chiesto come sono riuscita nell'impresa. Come spiego molto chiaramente qui http:

Leggi tutto