Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 77 visitatori e nessun utente online

Un ritorno in reparto

 

Il mio volontariato Reiki per questa settimana, in un certo senso è iniziato già stamattina. Fisicamente però in reparto ci sono stata oggi pomeriggio, e tornerò lì anche domani. Detta così sembra un pò strana, ma andiamo con ordine.

Nella mattinata di ieri ho sentito telefonicamente tramite messaggi,  la paziente che la settimana scorsa ha ricevuto due trattamenti Reiki per due giorni di seguito prima dell'intervento, più un trattamento a distanza poco prima dell'operazione del giorno dopo. La donna era strafelice, l'avevano messa in uscita e presto sarebbe andata a casa, la sua ripresa è stata velocissima, per un intervento di neurinoma non si rimane mai meno di una settimana in reparto. Mi piace pensare che il Reiki l'abbia sostenuta nella maniera migliore, mi sarebbe piaciuto poterla salutare oggi, ma va bene così, almeno ha potuto riabbracciare presto le sue bambine.

Nel frattempo mi ha confidato che nella sua stessa stanza era tornata in reparto la prima paziente dell'anno, una donna a cui avevo donato  Reiki ad inizio gennaio subito dopo l'Epifania. A suo tempo era stata operata per un angioma alla testa, ma è dovuta tornare per un infezione causata dai punti interni. Dovendo togliere il pus, temeva che dovessero intaccare anche l'osso. Le ho detto che se voleva potevo mandare Reiki per l'intervento, e così stamattina l'ho inviato prima di andare in ospedale. Appena mandato Reiki l'ho contattata tramite whatsapp, non aveva sentito arrivare l'energia, ma ne ha percepito subito gli effetti, era tranquilla e fiduciosa che non avrebbero toccato l'osso.

Appena arrivata in reparto, l'ho vista in corridoio, la stavano portando in sala operatoria, voleva abbracciarmi ma non era possibile, visto che era già disinfettata. Mi ha presentata ai  parenti e mi ha ringraziata. Sono stata felicissima di essere arrivata per tempo, ed averla vista prima che salisse in sala operatoria, domani la rivedrò, non serve nel suo caso la terapia intensiva, così potrà ricevere altro Reiki.

Un paio di ore fa mi ha messaggiato sempre su whatsapp, è andato tutto bene!!!

Per il resto nulla da raccontare, c'era solo un uomo che inizialmente ha accettato il trattamento Reiki, domani deve essere operato e l'intervento alla testa nel suo caso è decisamente rischioso. Mentre gli stavo spiegando cosa è il Reiki era molto agitato, sa benissimo che l'intervento di domani è decisamente difficile, si è scusato ed ha scelto di tornare  dai parenti, non vuole perdere un minuto con loro, come dargli torto?

A domani per l'ultimo articolo prima della pausa estiva.

Cosa è il Reiki

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KI.  REI significa "Energia Vitale Universale" KI invece esprime "Energia che scorre nel Corpo" o "Forza Interiore". L’operatore

Leggi tutto

Fondamenti scientifici del Reki

  Le scoperte della fisica del ventesimo secolo hanno profondamente cambiato la visione della realtà naturale. La teoria della relatività di Einstein ha dimostrato che la materia è una forma di

Leggi tutto

Il Reiki ai malati

  Il Reiki fa parte della mia vita da qualche anno ormai, ed il volontariato nel reparto di neurochirurgia del San Filippo Neri di Roma mi ha permesso di sviluppare un'esperienza specifica con i

Leggi tutto

L'infinito... Reiki il dono

  L'evento di lancio di "Reiki il dono" è stato un grande successo, oltre ogni aspettativa. Il tutto curato nei minimi particolari dalla mia dolcissima amica Anna Maria Brazzo' che non ringrazie

Leggi tutto

Volontariato Reiki in ospedale...ma come?

  A marzo 2015 sono riuscita ad iniziare il volontariato Reiki in ospedale, moltissime persone da allora mi hanno chiesto come sono riuscita nell'impresa. Come spiego molto chiaramente qui http:

Leggi tutto