Cerca

Developed in conjunction with Joomla extensions.

chi è online

Abbiamo 37 visitatori e nessun utente online

Il Reiki per chi è in ansia prima di un intervento

Questa settimana ho rivisto ancora la paziente che giorni fa aveva avuto quella bellissima esperienza con stupende visioni durante il trattamento (vedi post del 08/07/15) . Ieri mi aspettava già appena fuori dal reparto, voleva assolutamente raccontarmi qualcosa, così mi sono fermata con lei prima di andare a mettere il camice.
La signora è stata operata alla testa giovedì 9 luglio è andato tutto bene, mi ha detto che è andata tranquilla in sala operatoria e che il reiki ha agito su di lei anche nei giorni successivi, alleviandole ulteriormente quel blocco che aveva all'altezza del 3° e 4° chakra, ovvero del plesso solare e del cuore. Mi ha confidato inoltre che a fine intervento, al risveglio e prima di andare in terapia intensiva, mi ha vista (io c'ero ma solo con il pensiero) mi ha detto di avermi visualizzata mentre entravo ed uscivo da diverse stanze in ospedale. Lei si sentiva come fuori dal corpo, osservava distaccata come un testimone e si chiedeva "ma perchè Angela non viene da me? Lo sa che mi dovevo operare oggi!"
Quando mi ha detto questo, la prima cosa che mi è venuta da dirle senza pensarci un attimo è stata "ma certo che non sono venuta da te, tu non ne hai bisogno, se continui su questo percorso mi superi alla grande!" E' una donna eccezionale, sensibile e molto affettuosa, non so quante volte mi ha abbracciata e ringraziata. Anche se è di Siracusa continueremo a rimanere in contatto per telefono e anche tramite Facebook.
I trattamenti di ieri e di oggi le hanno dato altre belle esperienze e questo non può che farmi piacere, a Roma in questi giorni c'è un caldo pazzesco, per me è un grosso sacrificio andare in ospedale che dista da casa mia due ore con i mezzi pubblici, ma la ricompensa è grande quando capitano persone così.
Ora veniamo allo scetticismo dilagante: diversi pazienti appena gli viene proposto il reiki, dicono no senza chiedere spiegazioni e poi invece capita che si devono ricredere... come oggi.
La paziente di cui vi ho appena parlato in questo post è in stanza con una signora anziana che l'altra settimana ha rifiutato il trattamento, oggi però dopo tutte le belle esperienze che la signora di Siracusa le ha raccontato, ha deciso di provare.
A fine trattamento era sollevata, le si era sbloccato lo stomaco e mi ha detto "peccato averla conosciuta solo oggi, domani esco"...
Beh meglio tardi che mai le avrei detto io, ma non serviva, l'esperienza vale più di mille parole. "mai dire mai" dovrebbe essere una regola di vita...

Cosa è il Reiki

REIKI è una parola giapponese composta da due sillabe REI e KI.  REI significa "Energia Vitale Universale" KI invece esprime "Energia che scorre nel Corpo" o "Forza Interiore". L’operatore

Leggi tutto

Fondamenti scientifici del Reki

  Le scoperte della fisica del ventesimo secolo hanno profondamente cambiato la visione della realtà naturale. La teoria della relatività di Einstein ha dimostrato che la materia è una forma di

Leggi tutto

Il Reiki ai malati

  Il Reiki fa parte della mia vita da qualche anno ormai, ed il volontariato nel reparto di neurochirurgia del San Filippo Neri di Roma mi ha permesso di sviluppare un'esperienza specifica con i

Leggi tutto

L'infinito... Reiki il dono

  L'evento di lancio di "Reiki il dono" è stato un grande successo, oltre ogni aspettativa. Il tutto curato nei minimi particolari dalla mia dolcissima amica Anna Maria Brazzo' che non ringrazie

Leggi tutto

Volontariato Reiki in ospedale...ma come?

  A marzo 2015 sono riuscita ad iniziare il volontariato Reiki in ospedale, moltissime persone da allora mi hanno chiesto come sono riuscita nell'impresa. Come spiego molto chiaramente qui http:

Leggi tutto