Relax Reiki

Stampa
Reiki

 

Quando ieri sono arrivata in reparto ho saputo che lo psicoterapeuta al quale avevo già fatto due trattamenti, è stato operato. Non se la sentiva di ricevere Reiki, non si alzava ancora dal letto, e mi ha detto che oggi avrebbe provato, ma anche questo pomeriggio non era in forma, avrà bisogno di riabilitazione. Comunque sono fiduciosa  è un uomo molto attivo, tornerà presto alla sua vita di sempre.

Ieri ho trattato un paziente uomo che oggi è stato operato al trigemino, spero di rivederlo in forma la settimana prossima. Come spesso ripeto il trattamento aiuta moltissimo prima dell'intervento, in special modo ad allentare la tensione. In effetti l'uomo si è rilassato moltissimo, ha sentito calore, descrivendolo come un bel bagno caldo.

Sia ieri che oggi ho trattato con il Reiki una donna operata la settimana scorsa alla testa. Ieri ha potuto ricevere soltanto Reiki veloce da seduta, ma ha gradito lo stesso, le ho dato anche energia su un braccio dolorante ed ha funzionato. Oggi stava decisamente bene, ed ha potuto godersi il trattamento completo, le ho trattato anche i polpacci indolenziti, forse perchè aveva camminato tanto in mattinata, era il primo giorno che si alzava, il dolore si è attenutato anche oggi. E' molto soddisfatta e continuerà anche a casa, una persona di sua conoscenza è reikista, ma fino ad ora non aveva provato. Ogni tanto fa piacere "dare il La", in questo caso non si tratta di accordare uno strumento, ma mettere in contatto l'essere umano con l'energia che lo circonda.

Oggi ho anche fatto un trattamento ad un uomo operato la settimana scorsa di ernia del disco. Non era poi così convinto di ricevere Reiki, ma forse per non dispiacere la caposala che gli ha proposto il trattamento, ha detto di si. A fine trattamento era così rilassato che non voleva alzarsi, per gli infermieri è una brutta notizia sentire che un paziente non vuole tirarsi su, ma per un reikista è un'ottima nuova,  significa che il relax è profondo. Anche il dolore sul fondo schiena in corrispondenza dell'intervento si è attenuato, e il calore delle mie mani l'ha sentito ovunque,  in particolare sulla gola e sui piedi. Una novità per lui il Reiki, era felice di aver provato, è uscito dalla stanza sorridente e ringraziandomi. Ecco, questi sono momenti che chi fa volontariato, ricorda veramente con piacere. 

Infine vi ricordo che due giorni fa su Radio Onda Reiki ho pubblicato una nuova intervista, per la prima volta ho intervistato uno psicoterapeuta ricoverato in reparto (Il dr. Bruno Sacchetto di cui parlo ad inizio articolo) ne è nata un’interessantissima conversazione che spazia dal Reiki, ai Chakra, alla Luce, per terminare con Omeopatia ed Autoguarigione. Questo il link per chi non l'avesse ancora ascoltata: https://www.spreaker.com/user/ondareiki/lo-psicoterapeuta-bruno-sacchetto-ci-par