Developed in conjunction with Joomla extensions.

 

Anno nuovo, nuovi pazienti in reparto. Il clima sempre amichevole con il personale infermieristico, come sempre una bella famiglia, in queste due settimane mi sono mancati un po' tutti. Quando sono arrivata in ospedale non ho incontrato subito la caposala, si era allontanata per parlare con un medico. Nel frattempo gli infermieri di turno mi hanno suggerito due pazienti. La donna ha rifiutato il trattamento, non se la sentiva di sperimentare qualcosa che non conosceva,  l'uomo invece era in radiologia per la lastra al torace, quindi non gli è stato proposto. Mentre attendevo di iniziare il primo trattamento Reiki dell'anno, ecco che la caposala entra in sala infermieri e mi indica un giovane paziente che già da ieri aveva detto di voler ricevere energia. Ho iniziato con lui mentre la caposala inspiegabilmente è riuscita a convincere la donna che prima mi aveva detto di no.

Il giovane uomo che ha ricevuto Reiki per primo deve essere operato per un neurinoma al trigemino. Non conosceva nessuna tecnica energetica, ma era ben disposto a provare. A fine trattamento mi ha detto di essersi rilassato e di aver percepito calore soprattutto alla testa e sul petto. Io invece avevo notato che il ginocchio sinistro aveva particolare bisogno di energia, lui mi ha confermato che in effetti un problema su quel punto c'era stato, in precedenza si era fatto operare ai legamenti.

La donna che prima aveva rifiutato il trattamento e poi ha optato per il sì, deve essere operata tra due giorni alla testa. Prima di seguirmi per il trattamento ha ricevuto l'ok dal paziente che l'aveva preceduta, il passaparola è importante, in particolar modo quando non si conosce affatto ciò che ci stanno proponendo. A fine trattamento era soddisfatta, si era rilassata ed aggiungerei incuriosita, mi ha fatto diverse domande sul Reiki.

Terzo ed ultimo trattamento all'uomo che prima era fuori reparto per la lastra al torace, domani sarà operato per ernia del disco. Si tratta di un medico legale che non conosce alcuna tecnica energetica, ma ha voluto provare per curiosità il Reiki pur essendo scettico. E' rimasto più che soddisfatto e mi ha fatto i complimenti, abbiamo concluso con una bella chiacchierata, sono certa che non dimenticherà questa esperienza.

N.B. Il mio libro "Reiki il dono" edito dalla Om Edizioni, sulla mia esperienza di volontariato in ospedale, è facilmente reperibile. Chi vuole può prenotarlo negli stores online: Giardino dei Libri, Macrolibrarsi, Amazon ecc. Se vi recate alla vostra libreria preferita e non lo trovate, potete comunque ordinarlo.