Developed in conjunction with Joomla extensions.

 

A neurochirurgia oggi, nonostante qualche letto vuoto in attesa di ingresso nuovi pazienti nel corso del pomeriggio, sono riuscita a fare ugualmente tre trattamenti Reiki: due uomini ed una donna.
La priorità ovviamente per chi deve affrontare un intervento, ossia un uomo che domani sarà operato alla testa con relativa biopsia, su ciò che è stato evidenziato con la risonanza magnetica, mentre era ricoverato in neurologia. Un paziente agitato ma nello stesso tempo molto spiritoso, scherzava sul fatto che domani devono rasargli i capelli per l'intervento, ci tiene molto alla sua capigliatura, sostiene che è l'unica cosa bella che ha, la moglie non faceva altro che ridere. Il Reiki l'ha stupito particolarmente per calore percepito, mi ha chiesto quando posso fargli un altro trattamento. Domani non è possibile visto che si opera di mattina, forse la settimana prossima se è ancora in reparto.
Subito dopo di lui un uomo di Lecce già operato alla schiena, è prevista la sua dimissione per domani, non vede l'ora di tornare a casa. Trattamento veloce per lui perché ha ancora parecchio fastidio alla ferita, ha voluto evitare il lettino che è decisamente più rigido del letto. Da subito ha percepito un fluire verso il basso, come se il suo corpo si stesse liberando di qualcosa. È rimasto più che soddisfatto.
Terzo ed ultimo trattamento ad una donna anch'essa operata alla schiena e come l'uomo che l'ha preceduta, uscirà domani. Ha ammesso di essere scettica, ma ha comunque voluto provare, forse perché sua madre ha avuto buoni risultati con la pranoterapia. Aveva mal di testa ci soffre da sempre, con il Reiki non le è passato ma almeno si è allentata un po' la tensione. Probabilmente la donna avrebbe potuto ottenere maggiori benefici se si fosse lasciata andare di più durante il trattamento, ma gli scettici raramente lo fanno.
Nei giorni scorsi leggevo qualcosa di Gustave Le Bon (antropologo, psicologo e sociologo francese) mi ha colpito molto questa frase: "In politica come nella vita, il successo appartiene generalmente ai convinti e raramente agli scettici.". In effetti gli scettici difficilmente osano avventurarsi in cose nuove, ed anche se lo fanno non si lasciano coinvolgere più di tanto.
N.B. Dal 31 ottobre 2018 esce in tutte le librerie il mio libro "Reiki il dono" edito dalla Om Edizioni. E'già prenotabile negli stores online: Giardino dei Libri, Macrolibrarsi, Amazon ecc. Se vi recate alla vostra libreria preferita, potete comunque ordinarlo, anche se non lo trovate esposto tra i libri dello stesso settore.