Developed in conjunction with Joomla extensions.

Un buon inizio di settimana per il Reiki in neurochirurgia: trattamenti Reiki a tre uomini, due già operati ed uno in programma per domani.
Il primo paziente a ricevere Reiki è stato un signore anziano già operato alla testa. L'uomo stava parlando in corridoio con la caposala, aveva bisogno di un antidolorifico così quest'ultima gli ha consigliato prima di provare con il Reiki. Il paziente ha accettato più che volentieri, al termine della seduta era più che soddisfatto, il mal di testa si era placato e si sentiva bene.
Secondo trattamento ad un uomo venuto appositamente a Roma dalla California per un intervento alla colonna vertebrale, ovvero una stabilizzazione in toto. Come mai è venuto in Italia? Molto semplicemente perché l'intervento nel suo paese gli costava troppo. È proprio il caso di dire che l'America è proprio qui in Italia...Non parla la nostra lingua né io la sua. Gli ho chiesto se parlava francese, lingua che io parlo correntemente sin da bambina, ma ha detto di no, così ci siamo arrangiati con la mimica. A fine trattamento però volevo proprio un feedback, così per raccogliere la sua testimonianza ho usato Google traduttore. L'uomo ha sentito molto calore ovunque in particolare alla testa, sul petto sulla parte bassa della schiena e sulle ginocchia. Mi ha detto che in California il Reiki è diffusissimo, mi chiedo sempre quando finalmente ci adegueremo anche noi. Basta andare sui siti americani di alcuni grandi ospedali, per leggere che il Reiki ed altre discipline bionenergetiche sono usate giornalmente, hanno constatato che si risparmia in medicinali.
Terzo ed ultimo trattamento ad un uomo che qualche giorno fa è stato operato alla schiena, anche lui lo stesso intervento che domani affronterà l'americano. Non conosceva il Reiki, quando è entrato in reparto la settimana scorsa gli è stato consegnato il foglio informativo. L'uomo ne ha parlato al telefono con un'amica, la quale lo ha invitato caldamente a provare perchè la sua prima ed unica esperienza di Reiki è stata fantastica. Non è stato possibile fargli il trattamento completo, in quanto il paziente è ancora molto limitato nei movimenti, pertanto abbiamo optato per il trattamento veloce da seduto. Purtroppo questa mattina è stato molto in piedi, di conseguenza non è riuscito a rimanere seduto per tutto il trattamento, troppi dolori intensi alla schiena. Quel poco che ho potuto fare però é stato molto gradito, riproveremo domani.
Il 21 aprile 2018 ci sarà a Fino Mornasco (CO) un altro incontro con operatori e Master di Reiki riguardante il workshop "Il Reiki ai malati" per i dettagli visitare questo link: http://www.microportale.net/reiki/555-workshop-il-reiki-ai-malati-a-fino-mornasco-como . Adesioni entro e non oltre il 13 aprile, il "partecipo" su Facebook è gradito, ma non è sufficiente per prenotare. Per info contattarmi in privato anche via email ad Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.