Developed in conjunction with Joomla extensions.

Questo pomeriggio in neurochirurgia a ricevere Reiki sono stati un uomo e due donne.
L'uomo di Catania era al suo trattamento bis, aveva ricevuto energia la settimana scorsa, il giorno prima dell'intervento di neurinoma del nervo acustico. Sta molto bene, domani è in uscita, quest'oggi si sentiva un po' scarico pertanto ha accettato Reiki, augurandosi di sentirsi ricaricato a fine seduta, così è stato.
Secondo trattamento ad una signora anziana che domani sarà operata alla schiena. Decisamente scettica prima di iniziare, stava quasi per rinunciare, ma ad un certo punto della chiacchierata ho pronunciato una frase in maniera spiritosa, che credo abbia fatto la differenza:"tranquilla signora il Reiki non è una tortura... ma un piacere ". In effetti vista la sua tensione iniziale al termine mi ha detto di non essersi rilassata molto, ma ha gradito il calore delle mani, per il quale non ha trovato spiegazioni logiche.
Terzo ed ultimo trattamento ad una donna appena arrivata in reparto. Domani deve affrontare un intervento alla colonna vertebrale, era agitatissima. La paziente piangeva, non solo per ciò che deve affrontare domani, ma per tutte le malattie che ha dovuto combattere nella vita e per altrettante cose serie dello stesso genere, nella cerchia familiare. Aveva già sentito parlare di Reiki, lo fa una sua amica, non ha mai voluto provare perchè il figlio l'aveva sconsigliata, dicendole che è qualcosa che fanno nelle sette... Siamo nel terzo millenno ed ancora gridiamo alle streghe? Il Reiki è solamente energia... ogni cosa è energia, ormai la fisica moderna lo ha confermato, quindi che senso ha etichettarlo come diabolico se non si conosce la materia? Questa cosa non la capirò mai...La donna era decisamente stanca di lottare e sintonizzata sul negativo più cupo. non è stato facile tranquillizzarla per farle ricevere Reiki. A fine trattamento si era tranquillizzata un po, anche per merito della musica rilassante che ha apprezzato moltissimo. Spero proprio che domani riesca ad affrontare in maniera tranquilla l'intervento e se sarà ancora lì quando arriverò in reparto, potrò darle altro Reiki.