Developed in conjunction with Joomla extensions.

Come già ipotizzato ieri, anche oggi Reiki a donne degenti nella stessa stanza. Prima di iniziare i trattamenti, un'infermiera che diverso tempo fa ha ricevuto Reiki una sola volta, mi ha chiesto se può fare un bis appena ho tempo, ovviamente le ho detto di si.
La precedenza l'ho data alla donna che ieri, per motivi di tempo, non avevo potuto trattare. La paziente è già stata operata alla testa, ha ancora tanta confusione, è normale che sia così. Quando a suo tempo mi hanno asportato il meningioma alla testa, a parte i dolori stavo piuttosto bene, comunque sia mi sentivo un po intontita, come se fossi stata appena tramortita. Quando ne parlo alle persone si tranquillizzano e si ripetono ad alta voce "bisogna avere pazienza". Pazienza, voglia di guarire ed ottimismo, sono tre ingredienti necessari per un cocktail esplosivo, con un risultato certo: pronta guarigione assicurata. La donna mi ha ringraziata moltissimo, si è rilassata ed anche se la confusione in testa era comunque presente, si sentiva meglio.
Secondo trattamento alla donna operata per neurinoma la settimana scorsa, oggi è arrivata al terzo trattamento. Prima di iniziare la seduta di Reiki mi ha detto che stava decisamente meglio, anche i piedi si stavano sgonfiando. Il trattamento di oggi le ha fatto bene, ma per sapere cosa ha da dire sul Reiki vi rimando all'intervista audio che pubblicherò su Onda Reiki.
Quando sono entrata nuovamente in stanza per chiamare la terza paziente (anche lei alla terza seduta in totale) ho notato che la prima donna che aveva ricevuto Reiki oggi, stava dormendo.
La paziente che ha ricevuto Reiki per ultima, dopo il trattamento di ieri era tornata in stanza, aveva un gran sonno, ed oggi mi ha detto che ha dormito per un'ora e mezza. Un record per lei, visto che ultimamente dorme pochissimo. Oggi il Reiki è stato più gradito, stava meglio fisicamente, quindi ha potuto percepire sia l'energia che gli effetti. Alla fine aveva di nuovo sonno, mi ha concesso anche lei una breve intervista per poter poi andare a dormire. Anche questa verrà pubblicata appena possibile su radio Onda Reiki.
A quanto pare, la costante di questi due giorni di trattamenti è stato il sonno: Reiki al posto di una camomilla, o peggio ancora di un sonnifero.